mercoledì 15 marzo 2017

Vaccini e libertà di informazione: sosteniamo il Dottor Gava



SOSTENIAMO IL DOTTOR GAVA
I medici che osano portare a galla la verità sommersa dei danni da vaccino subiscono sanzioni.
E' il caso del Dottor Gava che potrebbe essere oggetto di un provvedimento disciplinare per aver
espresso la propria opinione sui vaccini.
Ho sempre pensato che sia nostro dovere difendere la libertà di informazione-
E ognuno di noi può farlo con un semplice gesto: mandare una lettera per sostenere il Dottor Gava, medico che da anni si occupa di salute e danni da vaccini con serietà e moderazione.
Il sito del Dottor Gava http://www.robertogava.it/ 

ASSOCIAZIONE ASSIS
 
(Questa pagina è stata presa dal sito ASSIS, Associazione di studi e informazione sulla salute)

Nella pagina dell'ASSIS troverete anche il pdf da scaricare e allegare alla lettera di sostegno da inviare.
 http://www.assis.it/sostegno-al-dr-roberto-gava/

"Il dottor Gava potrebbe essere oggetto di un provvedimento disciplinare solo per avere espresso le sue idee, per aver manifestato il suo pensiero in ossequio alla libertà di espressione, di critica, di scienza e di insegnamento della scienza. Ha espresso posizioni critiche verso i trattamenti sanitari di massa, sostenendo la necessità di personalizzare qualsiasi terapia, sia preventiva che curativa, compresa la profilassi vaccinale, ha sempre tutelato la salute di ogni paziente nel rispetto del consenso informato e del principio di autodeterminazione.
Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere principi fondamentali della nostra convivenza civile, quali la libertà di cura, di ricerca, di manifestazione del pensiero.

Vi chiediamo di inviare una mail ai seguenti indirizzi:


    di scrivere nell’oggetto:
    Sostegno al Dr. Roberto Gava
    di scrivere come testo:
    Buongiorno
    io, NOME COGNOME, invio la lettera allegata a sostegno del Dr. Roberto Gava.
    Cordiali saluti
    NOME E COGNOME
    di allegare alla mail il file PDF scaricabile cliccando il pulsante rosso"


 

Nessun commento:

Posta un commento